giovedì 4 febbraio 2016

Analisi FTSEMIB

Eccoci puntuali come un orologio svizzero al test del supporto di area 17.500 come già evidenziato nell'analisi del 25 gennaio che potete rileggere qui:

http://idea-trading.blogspot.it/2016/01/analisi-ftsemib.html

Il quadro grafico è sempre più compromesso anche se, prima di rompere definitivamente tale livello e andare a testare area 15.000 ultimo baluardo a difesa dei minimi di area 12.300, da qui mi aspetterei almeno un sussulto.

Vediamo se riesce a rimbalzare nelle prossime settimane, in caso contrario la velocità della discesa potrebbe essere anche superiore a quella del 2008.

Buon trading

FTSEMIB Settimanale


19 commenti:

  1. che dire?
    complimenti!
    e che mattanza! mesi di salita annullati in poche sedute...
    siamo sempre agli antipasti o stanno già servendo i secondi, vista la rapidità con cui si scende? ci si ferma qui a 16500 per Milano, o direttamente ai 15000 come da grafo o peggio ai 12000 come doppio minimo da te paventato?
    ma poi... saranno veri minimi? per quanto reggeranno?
    siamo pronti almeno per un rimbalzo per salvare il salvabile?
    Facciamo un bel bail in alla banca crucca prima che a mps?
    gli ameri-cani dove si fermano? e i cinesi? e il bimbo capriccioso coreano?
    quante domande...
    complimenti!
    Stefano

    RispondiElimina
  2. Ciao Stefano, a dire la verità questo primo affondo pensavo fosse contenuto dal supporto di area 17.500. Invece l'ha bucato come il burro. Vediamo se i 15.000 ultimo supporto a difesa dei minimi di area 12.300 ce la fa; mi aspetto sempre un ultimo rimbalzo da metà marzo e fino ad aprile almeno.
    Vista la forza e la rapidità della discesa temo che il bottom sia ben sotto i 12.000, potremmo vederlo tra 8 e 9 mila punti.
    Sul bail in ritengo che ci siano altre banche papabili, i numeri che girano indicano veneto banca e pop vicenza tra le non quotate mentre la borsa indica mps e carige come le più deboli... Deutsche Bank fosse stata italiana pure, ma alle spalle ha la Germania, vediamo... Gli americani dove si fermeranno? Per me area 900/1000 di SP500 alla fine potrebbe essre il bottom. La Cina? Penso perderà meno perchè già scesa molto dal giugno scorso, e per me ripartirà prima di usa e europa come azionario.

    RispondiElimina
  3. Un bottom a 8/9.000!!!!
    Sembrerebbe fantascenza... se non fossimo scesi in poche settimane da 24000 quasi a 16000. un bel -30% secco.
    E a 12.000 sarebbe un -50% e non continuo sfoggiando la mia preparazione matematica.

    Ora quindi siamo diretti a testare i 15.000?

    Per quanto riguarda il bail in io non ci credo. O per meglio dire temo che non sia quello di cui aver paura. Per me dire bail in vuol dire rischio sistemico e se POPVIC VENETO BANCA MPS o chi per loro dopo tutti gli adc dovessero ricorrervi crollerebbe tutto il castello di fiducia basato sulla "carta" e non semplicemente quelle banche. sono istituti grandi molto più di quelli salvati a fine anno. non ce la caveremmo solo col loro bail in... e allora sì che potremmo vedere i 9.000 vista la farcitura di banche del nostro indice e lo shock sistemico che si creerà/ebbe!

    i 15.000 o i 12.000 sarebbero un floor resistente come base di un nuovo ciclo toro pluriannuale?
    quando pensi si possa iniziare un serio stock picking per un cassetto da lasciare ai nipotini?
    Grazie!
    Stefano

    RispondiElimina
  4. Stock picking da cassetto a lungo termine non lo consiglio mai perchè quando arrivano i reset ti portano via tutto, anni di gain. Sulla borsa italiana poi lasciamo stare, se si esclude qualche small e mid cap con business all'estero lo stock piking è sempre perdente.
    Piuttosto direi che dopo il reset ci saranno come sempre occasioni soprattutto sui mercati americani, per cui si lì potrebbe essere interesasnte comprare fra un anno (per i mercati usa ed europei mi aspetto il bottom di questo reset a marzo 2017) e tenere in ptf per 4-5 anni dovrebbe rivelarsi vincente. In ogni caso per me una gestione attiva piuttosto che comprare e lasciare ai nipoti è sempre consigliabile. Ciao.

    RispondiElimina
  5. mi danno del catastrofista in ogni dove...ma nelle mie analisi sono stato anche fin troppo ottimista...questo è il dato di fatto.

    ad oggi, 9 febbraio 2016 la discesa prosegue ininterrotta e siamo a 15.913 punti.

    e ancora non sussulta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Angelo complimenti!! Condivido in piedi la tua analisi...

      Elimina
  6. In effetti un pò catastrofista devi ammettere che lo puoi sembrare... soprattutto a chi investito non vuole vedere o sentire nient'altro che quello che vorrebbe vedere o sentire!
    Ora ballonzoliamo sui 16mila di indice...
    pensi che un rimbalzino fino a 18000 ci stia o in ogni caso prima del rimbalzo ci dobbiamo attendere il test dei 15erotti?
    hanno finito di servire gli antipasti?
    io ho già l'indigestione....
    ciao!
    Stfano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimbalzo fino ai 18000? si penso ci sarà se non subito da qui a fine mese, almeno sull'allargamento del q.e. a marzo come anticipato da draghi.

      Penso gli antipasti siano finiti, ora stanno prendendo le ordinazioni del primo.

      Ciao.

      Elimina
  7. e sempre simpaticamente te lo dico...
    da 24mila a 12mila in un anno... non ti sembra una catastrofe?
    lo è senz'altro! soprattutto per molti portafogli.
    E una discesa del genere non penso sia dovuta a sola speculazzio...
    ma cavalchi qualche malessere economico sociale politico finanziario magari aplificandolo (magari no...)
    Quindi... gufo iettatore o chennesò io certo che no...
    ma catastrofista nel senso di
    colui che avvisa dell'avvicinarsi di quella che per chi è in determinate condizioni psicoeconomiche possa sembrare una catastrofe (o possa a ragion veduta essere considerata come tale...)...
    beh... allora sì... sei un catastrofista!
    Che merita i miei complimenti e la mia ammirazione, nel tentare di togliere ai paraocchi a chi vuole vedere solo la strada su cui corre e non i burroni che le stanno a lato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo,
      che ti devo dire, la bisca (io la borsa la chiamo così) non è per tutti. Oggi tutti hanno gli strumenti per potersi improvvisare trader...un conto titoli presso un sim, uno smartphone e via tutti nuovi novelli soros... Peccato che senza alcuna esperienza ciclicamente il 98% di quelli che si approcciano in questo modo viene spazzato via al primo reset dei mercati.
      Vedendo la forza del primo affondo che mi aspettavo fosse contenuto dal supporto di area 17500 di ftsemib (mentre invece è sceso a 15848)penso sono stato anche troppo ottimista. Il bottom potrebbe non essere area 12.000 ma addirittura 8-9mila. In bocca al lupo.

      Elimina
  8. Finalmente è arrivato il sussulto :-)

    RispondiElimina
  9. Ciao Angelo e complimenti.
    Una domanda. Oltre a questo cataclisma sugli indici, quali potrebbero essere le ripercussioni sui titoli del ns debito pubblico? I nostri BTP rimarranno un rifugio sicuro o tra bail-in, recessione, rischio Paese, e uscite varie dall'euro potrebbero subire perdite anche loro?
    Grazie.
    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio,
      ti ricordo che siamo sotto Quantitative Easing di Draghi, che per ora stampa e compra (soprattutto titoli di stato) per 60 mld al mese, ma ha già anticipato che a marzo amplierà lo stesso Q.E.
      quindi finchè siamo sotto copertura della bce ritengo si può stare relativamente tranquilli anche se il reset dei mercati che mi aspetto nei prossimi mesi metterà sotto stress lo spread molto più di quello che ha fatto in questi ultimi giorni.
      Detto questo alla fine del Q.E. la BCE si troverà in pancia mettiamo 1500/2000 mld di titoli di stato dei vari paesi europei. Che farà? Li consoliderà e costringerà la Germania ad accettare gli Eurobond? Con questo scenario allora ogni ribasso che verrà sarà ottima occasione di acquisto. Ma se non si arriverà alla soluzione Eurobond per me assisteremo alla fine della moneta unica per come oggi la conosciamo, con la Germania e altri paesi satelliti che usciranno dall'euro e lo sostiruirenno con un euro2 o altra valuta. Con questo scenario paesi come l'Italia sarebbero costretti a ristrutturare il proprio debito stile Grecia.
      Io non ho e non ho intenzione di comprare titoli di stato italiani. Piuttosto a novembre mi compro un etf titoli di stato paesi emergenti euro hedged a prezzi di saldo se arriva un crollo stile 2008.
      ciao

      Elimina
  10. ho visto che sei lettore di un blog di finanza indipendente che leggo anche io (barrai) e siete più o meno sulla stessa lunghezza d'onda...
    ecco forse lui è uno più catastrofista di te, per riallacciarmi alle battute che ho letto qua...

    solo non mi è chiaro nella tua view che succede dopo marzo 2017...
    toro verso i 40k?

    ma... stanno già servendo i primi?

    Antonio

    RispondiElimina
  11. Secondo me sei il Barrai sotto mentite spoglie...sbaglio quasi mai io :-))

    Si ogni tanto lo leggo il Barrai, concordo spesso sulle sue visioni macro, molto meno sul timing per quando riguarda il trading spicciolo :-))

    Però sta storia dei 40 mila del ftsemib dopo il crollo la lascerei per ora nella fantascienza finanziaria... sai perchè? perchè come già scritto per far tornare la nostra borsa a quei livelli serve che tutto il nostro debito sia sostituito dagli eurobond.
    L'alternativa è la disgregazione della zona euro, la costituzione di un euro1 e euro2 e la ristrutturaizone del debito pubblico di quei paesi come il nostro che da anni senza continuo soccorso della bce, lo ha ingestibile. Con questo scenario la borsa si azzera (vedi grecia a -96% dai massimi)

    Quindi ftsemib a 40000 nel 2020 è collegato solo al consolidamento del debito dei singoli stati europei e la sua conversione in eurobond.

    Se stanno già servendo i primi? mah... sarebbero veloci in cucina...forse hanno assunto manovalanza per velocizzarsi...

    RispondiElimina
  12. No no
    sono un povero italiopiteco direbbe lui...
    che tenta con molto poco successo di orientarsi...
    azioni btp obbligazioni oro fisico chf e iuros fisici...
    in questo periodo (da oggi in poi?)
    non riesco a capire quale asset sia più indicato
    non dico per guadagnare ma almeno per proteggere i risparmi...
    ammesso che ne esista uno... sigh

    ok... niente toro verso i 40k per il 2020...
    ma si può ipotizzare che entro marzo 2017 si possa raggiungere un floor dura-turo se non dura-toro sia nel caso degli eurobond che in quello di zonaeuro a 2 velocità?!?!

    in cucina cmq pare si stiano dando da fare alla grande eh...

    Antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh per proteggere i risparmi a volte basta non fare nulla, stare liquidi...una volta almeno era così, oggi stare liquidi con troppi soldi sul c/c può essere ancora più rischioso, dipende in quale banca li tieni.
      Un po di posizioni al ribasso no? qualche etf short senza leva per es...
      poi a reset terminato avrai voglia, comprerai tutto a prezzi di saldo, azioni obbligazioni, materie prime, mercati emergenti ecce ecce

      Fondamentale sarà arrivare al bottom avendo preservato il capitale.

      sugli eurobond c'è da convicere la Germania...sarà dura...

      Ciao, in bocca al lupo

      Elimina
    2. crepi!
      eh si appunto una volta cash was king ora nemmeno più quello...
      per quanto riguarda il bottom... mi ri-domando e ti ri-domando se quello che raggiungeremo entro marzo 2017 anche se non sarà dura-toro nel senso di base per i 40k... sarà almeno dura-turo nel senso di floor per acquisti di medio almeno...

      Elimina
  13. dipende a che punto sarà la situazione in Europa...perchè anche da 9.000 si fa in tempo lo stesso a riperdere un altro 50% se si spacca la zona euro... Ovvio con gli eurobond ti concedo almeno 4-5 anni di salite :-))
    Ciao

    RispondiElimina