mercoledì 2 marzo 2016

Analisi FTSEMIB

Dopo 2 mesi in cui le borse Usa ed Europee hanno ricalcato quasi alla perfezione l'andamento del 2008, con l'inizio di Marzo è iniziata una netta divergenza. Questo è il dato di fatto principale da sottolineare. I dati sul manifatturiero di febbraio in calo in quasi tutti i paesi avvicinano però ad una recessione su scala mondiale, e questo stride con la ritrovata euforia dei listini. Quindi o nei prossimi mesi tornano a salire i dati o tornano a scendere le borse. Prendo in prestito questa tabella da Rischio Calcolato

 

Per quando riguarda il nostro principale indice il recupero dai minimi toccati l'11 Febbraio ha raggiunto il +15,5%. Per il mio modello di trading siamo ancora in fase di rimbalzo, il trend ribassista di medio periodo verrebbe messo in discussione (in discussione, ma non ancora vinto) solo con chiusure sopra area 19.305 punti.

Da notare che in questo rimbalzo, comprendendo anche quello di stamani, sono stati lasciati aperti ben 3 gap-up (in media 1 ogni 5 sedute), e questo a mio parere rafforza la tesi che siamo in presenza di un movimento correttivo dentro un trend ribassista e non di vera inversione. Buon trading.

FTSEMIB Giornaliero


4 commenti:

  1. MEGLIO SEGUIRE IL TREND PIUTTOSTO DI ASPETTARE CHE IL TREND SEGUA LE NOSTRE CONVINZIONI.
    appunto....penso sia inutile dire che Intesa arrivera' a 0,90 ....certo che potra' arrivarci....ma nel frattempo come tu stesso scrivi ....segui il trend....!

    RispondiElimina
  2. Bisogna specificare di quale trend si parla però. Oppure metterci d'accordo sui vari tipi di trend. Se si parla di trend di breve ovvio anche B.Intesa è rialzista, ma se si parla di medio periodo rimane straribassista.

    RispondiElimina
  3. c'è troppa fiducia per questo appuntamento con Draghi. Di fatto se si guardano i numeri reali e non quelli manipolati, il mondo è di nuovo in recessione. Gli investitori illusi pensano che draghi possa risolvere la deflazione globale con 10 miliardi di euro in più al mese. Con questi qe non hanno fatto altro che gonfiare la prossima bolla che scoppierà a breve. Di fatto di quel denaro non è entrato nulla nell'economia reale, i salari sono uguali a 8 anni fa, se guardate gli indici mondiali capite subito i qe a cosa sono serviti.
    L'S&P 500 è in fase di distribuzione e a guardare in basso vengono i brividi

    RispondiElimina
  4. Che dire per me hai ragione al 100%...ma in America sembra che si siano inventati il bullmode perenne...Se dopo Agosto 2015 riescono a tirare su tutto anche a sto giro son dei fenomeni

    RispondiElimina